Nel Medioevo, la rappresentazione di atti e particolari osceni era vincolata a una rigida normativa civile e reigiosa; i generi comici dovevano pertanto ricorrere a un'ampia gamma di metafore e a un linguaggio equivoco la cui codificazione in Italia si perfeziona fra XIV e XV secolo. Sebbene molte metafore di questo tipo abbiano lungo corso in prosa e poesia, non per questo tal codice può essere applicato al di fuori della sua effettiva sedimentazione storica, sancita in particolare dalla poesai carnasialesca.

Péchés de la langue et équivoque. Caractéristiques de la langue comique des origines au XVIe siècle

ZACCARELLO, MICHELANGELO
2014

Abstract

Nel Medioevo, la rappresentazione di atti e particolari osceni era vincolata a una rigida normativa civile e reigiosa; i generi comici dovevano pertanto ricorrere a un'ampia gamma di metafore e a un linguaggio equivoco la cui codificazione in Italia si perfeziona fra XIV e XV secolo. Sebbene molte metafore di questo tipo abbiano lungo corso in prosa e poesia, non per questo tal codice può essere applicato al di fuori della sua effettiva sedimentazione storica, sancita in particolare dalla poesai carnasialesca.
Zaccarello, Michelangelo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
N12_Chron.It._1.Zaccarello-Peches-de-la-langue.pdf

accesso aperto

Descrizione: estratto fornito dall'editore
Tipologia: Versione finale editoriale
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 180.25 kB
Formato Adobe PDF
180.25 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/879440
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact