Partendo dall'innovativo volume pubblicato nell'ambito di un progetto denominato 'ScriptOralia', il saggio passa a illustrare le dinamiche di fissazione dell'uso parlato nella scrittura come chiave interpretativa delle origini e codificazione delle varie scriptae romanze: se tali dinamiche appaiono costanti nelle diverse varietà romanze, l'esemplificazione italiana spicca per la ricchezza della componente regionale, che marca un'ulteriore fattore di differenziazione dal latino.

[Saggio recensione su] M. Selig, B. Frank, J. Hartmann, Le passage à l'écrit des langues romanes, Tübingen, Narr, 1993.

ZACCARELLO, MICHELANGELO
1996

Abstract

Partendo dall'innovativo volume pubblicato nell'ambito di un progetto denominato 'ScriptOralia', il saggio passa a illustrare le dinamiche di fissazione dell'uso parlato nella scrittura come chiave interpretativa delle origini e codificazione delle varie scriptae romanze: se tali dinamiche appaiono costanti nelle diverse varietà romanze, l'esemplificazione italiana spicca per la ricchezza della componente regionale, che marca un'ulteriore fattore di differenziazione dal latino.
Zaccarello, Michelangelo
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/879452
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact