Lettura di 'Purgatorio', XXIII