Continua "l'intervento demolitorio" operato dalla Corte Costituzionale alla legge 40/2004: tra dignità, uguaglianza, tutela della salute della donna e libertà conoscitiva della scienza medica.