Quella di Schleiermacher è una figura complessa di teologo, filosofo, filologo, storico, letterato romantico, predicatore e altro ancora; in questa sede ci occuperemo di quella che è forse la sua opera più importante e innovativa nel contesto della Goethezeit: la quasi integrale traduzione in tedesco dell’opera platonica (Timeo, Crizia, Leggi, Epinomide e le Lettere non sono stati tradotti). L’originalità e importanza dell’opera di Schleiermacher risiede, più che in una rinascita dell’interesse filosofico per Platone, in un nuovo modo di intendere i suoi dialoghi, un modo la cui realizzazione poteva solo passare per il tramite, come vedremo, di un’operazione grandiosa e rivoluzionaria come questa traduzione quasi integrale. I criteri della traduzione, della scelta e dell’ordinamento dei vari dialoghi, che poi sono anche vere e proprie indicazioni metodologiche sul giusto approccio alla filosofia di Platone, sono affidate da Schleiermacher a una Einleitung generale, alle Einleitungen ai singoli dialoghi e alle note presenti nelle traduzioni. Esistono anche altri suoi scritti sull’argomento, come gli appunti per le Vorlesungen über die Geschichte der Philosphie e il quaderno di appunti Zum Platon. Ma, a partire dall’idea della traduzione, Platone sarà una sorta di nume tutelare lungo tutto lo sviluppo intellettuale ed esistenziale di Schleiermacher. Data la sua estensione e profondità, sarebbe dispersivo cercare di indagare questo influsso platonico in tutti i settori della filosofia schleiermacheriana ove esso è riscontrabile. In questa sede si forniranno invece alcuni cenni storici sulla traduzione di Schleiermacher e sul contesto ideale dal quale essa nacque; si passerà poi a enucleare le tesi più importanti contenute nella Einleitung generale, ricostruendo così l’idea dell’artista-filosofo; infine, ci si concentrerà sulla metafora dell’organismo collocata a cavallo tra ermeneutica ed estetica, interpretandola come nesso centrale del rapporto tra Schleiermacher, Platone e Kant.

Ermeneutica dell’artista-filosofo. Schleiermacher interprete di Platone

Alberto L. Siani
Primo
2017-01-01

Abstract

Quella di Schleiermacher è una figura complessa di teologo, filosofo, filologo, storico, letterato romantico, predicatore e altro ancora; in questa sede ci occuperemo di quella che è forse la sua opera più importante e innovativa nel contesto della Goethezeit: la quasi integrale traduzione in tedesco dell’opera platonica (Timeo, Crizia, Leggi, Epinomide e le Lettere non sono stati tradotti). L’originalità e importanza dell’opera di Schleiermacher risiede, più che in una rinascita dell’interesse filosofico per Platone, in un nuovo modo di intendere i suoi dialoghi, un modo la cui realizzazione poteva solo passare per il tramite, come vedremo, di un’operazione grandiosa e rivoluzionaria come questa traduzione quasi integrale. I criteri della traduzione, della scelta e dell’ordinamento dei vari dialoghi, che poi sono anche vere e proprie indicazioni metodologiche sul giusto approccio alla filosofia di Platone, sono affidate da Schleiermacher a una Einleitung generale, alle Einleitungen ai singoli dialoghi e alle note presenti nelle traduzioni. Esistono anche altri suoi scritti sull’argomento, come gli appunti per le Vorlesungen über die Geschichte der Philosphie e il quaderno di appunti Zum Platon. Ma, a partire dall’idea della traduzione, Platone sarà una sorta di nume tutelare lungo tutto lo sviluppo intellettuale ed esistenziale di Schleiermacher. Data la sua estensione e profondità, sarebbe dispersivo cercare di indagare questo influsso platonico in tutti i settori della filosofia schleiermacheriana ove esso è riscontrabile. In questa sede si forniranno invece alcuni cenni storici sulla traduzione di Schleiermacher e sul contesto ideale dal quale essa nacque; si passerà poi a enucleare le tesi più importanti contenute nella Einleitung generale, ricostruendo così l’idea dell’artista-filosofo; infine, ci si concentrerà sulla metafora dell’organismo collocata a cavallo tra ermeneutica ed estetica, interpretandola come nesso centrale del rapporto tra Schleiermacher, Platone e Kant.
Siani, Alberto L.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Siani_Schleiermacher (1bozze riviste).pdf

solo utenti autorizzati

Tipologia: Versione finale editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 3.48 MB
Formato Adobe PDF
3.48 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11568/896556
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact