Sulla valutazione del danno alla salute da menomazioni sesssuali