Recensione a G. Ranzato, Sudditi operosi e cittadini inerti