La malattia residua minima nella leucemia linfoblastica acuta