Le “elastiche” valutazioni del giudice penale come strumento di attuazione di un diritto fondamentale “ad alimentarsi”