Oblio e memoria di Adone, o: dell’invincibile forza delle cose fragili