Reply to Di Paolo et al