Sulla filologia di Vincenzo Tandoi: un ricordo