Recensione della doppia personale di Beatrice Meoni e Silvia Vendramel (Pisa, giugno 2018). Lavorando nei media della pittura (Meoni) e della scultura (Vendramel), e prendendo spunto da "La caduta di Icaro" di Pieter Bruegel il Vecchio e dal lavoro di Bas Jan Ader, le due artiste declinano un'estetica della "lateralità" e dello "slittamento" ai margini. Tali concetti trovano applicazione nell'organizzazione destrutturata delle forme pittoriche o scultoree, ma hanno una risonanza esistenziale ed etica nel contesto storico (di crescenti xenofobia e nazionalismo) coincidente con i giorni dell'inaugurazione della mostra.

Slittamenti e margini. Beatrice Meoni e Silvia Vendramel a Pisa

Cortesini Sergio
2018

Abstract

Recensione della doppia personale di Beatrice Meoni e Silvia Vendramel (Pisa, giugno 2018). Lavorando nei media della pittura (Meoni) e della scultura (Vendramel), e prendendo spunto da "La caduta di Icaro" di Pieter Bruegel il Vecchio e dal lavoro di Bas Jan Ader, le due artiste declinano un'estetica della "lateralità" e dello "slittamento" ai margini. Tali concetti trovano applicazione nell'organizzazione destrutturata delle forme pittoriche o scultoree, ma hanno una risonanza esistenziale ed etica nel contesto storico (di crescenti xenofobia e nazionalismo) coincidente con i giorni dell'inaugurazione della mostra.
Cortesini, Sergio
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Slittamenti e margini.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione finale editoriale
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 2.17 MB
Formato Adobe PDF
2.17 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11568/928450
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact