L’orizzonte del giurista tra autonomia ed eteronomia