«Umile, mansueta e buona»: Griselda in una sacra rappresentazione toscana del Quattrocento