Lo scopo del presente lavoro è quello di evidenziare le caratteristiche dell'economia Toscana, analizzando la regione anche dal punto di vista insediativo. Infatti è proprio il tipo di insediamento qui presente che ha favorito il decentramento industriale, la proliferazione di imprese, la flessibilità produttiva, ecc. Tanto che, per quanto riguarda la campagna, è in certi casi difficile parlare semplicemente di aree rurali: nel paesaggio della campagna definita, ormai, urbanizzata, continua ad esistere uno scenario fortemente caratterizzato da elementi rurali, nel quale si sono, però, formate 'isole produttive' specializzate in precisi settori merceologici. Si tratta di una struttura industriale che viene definita 'periferica' ma che ha le sue peculiarità in quanto largamente rappresentata da industrie 'leggere' come tessile, abbigliamento, arredamento, mobilio, calzature. Per quanto riguarda il settore terziario, questo poggia principalmente sul commercio e, soprattutto, sul turismo che può basarsi su una grande ricchezza e varietà di centri d'arte grandi e piccoli, su risorse di varia tipologia (la presenza di acque termali, di coste sabbiose e della montagna, di siti archeologici, ecc.)

Struttura economica

LEMMI E
2006

Abstract

Lo scopo del presente lavoro è quello di evidenziare le caratteristiche dell'economia Toscana, analizzando la regione anche dal punto di vista insediativo. Infatti è proprio il tipo di insediamento qui presente che ha favorito il decentramento industriale, la proliferazione di imprese, la flessibilità produttiva, ecc. Tanto che, per quanto riguarda la campagna, è in certi casi difficile parlare semplicemente di aree rurali: nel paesaggio della campagna definita, ormai, urbanizzata, continua ad esistere uno scenario fortemente caratterizzato da elementi rurali, nel quale si sono, però, formate 'isole produttive' specializzate in precisi settori merceologici. Si tratta di una struttura industriale che viene definita 'periferica' ma che ha le sue peculiarità in quanto largamente rappresentata da industrie 'leggere' come tessile, abbigliamento, arredamento, mobilio, calzature. Per quanto riguarda il settore terziario, questo poggia principalmente sul commercio e, soprattutto, sul turismo che può basarsi su una grande ricchezza e varietà di centri d'arte grandi e piccoli, su risorse di varia tipologia (la presenza di acque termali, di coste sabbiose e della montagna, di siti archeologici, ecc.)
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11568/932455
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact