La domanda di arbitrato tra libertà delle forme e principio del contraddittorio