Sulla presunta incompatibilità tra arbitrato irrituale e pronuncia secondo diritto