Concorsi e ricorsi: meglio la legge o la giustizia?