La Corte di Giustizia censura il divieto di cumulo tra pagamenti anticipati dal datore e crediti coperti dal Fondo di garanzia