The latest judgments of italian Supreme Court’s United Sections regarding ideal or true concurrence of crimes, in so far as these are related to the jurisprudence of Constitutional Court and ECHR, give us the opportunity to reflect about a substantive ne bis in idem, as an expression of rule of law and principles of legal certainty, predictability, proportionality and reasonableness. Such a criterion could lead to a structural and comparative evaluation of elements of crimes, on the basis of a previous teleological interpretation, in order to understand how a cumulative charge and conviction could unreasonably multiply the penal relevance of the same “fragment of fact”.

Le ultime decisioni delle Sezioni Unite in tema di concorso di norme e di reati, per le loro correlazioni espresse o implicite con la giurisprudenza della Corte costituzionale e della Cedu in tema di ne bis in idem (prevalentemente) processuale, offrono suggestivi spunti per ragionare degli spazi di configurabilità di unnebis in idemsostanziale quale declinazione dei principi di legalità/tipicità, ragionevolezza e proporzione. Tale parametro potrebbe tradursi, all’atto applicativo, in un criterio sì strutturale, ma previamente illuminato da interpretazioni teleologiche delle singole disposizioni incriminatrici, ed infine attento ad evitare una duplicazione di valutazioni tipiche di profili del fatto concreto in cui si esprima una quota di offensività.

Tracce di ne bis in idem sostanziale lungo i percorsi disegnati dalle Corti

Antonio Vallini
2018

Abstract

Le ultime decisioni delle Sezioni Unite in tema di concorso di norme e di reati, per le loro correlazioni espresse o implicite con la giurisprudenza della Corte costituzionale e della Cedu in tema di ne bis in idem (prevalentemente) processuale, offrono suggestivi spunti per ragionare degli spazi di configurabilità di unnebis in idemsostanziale quale declinazione dei principi di legalità/tipicità, ragionevolezza e proporzione. Tale parametro potrebbe tradursi, all’atto applicativo, in un criterio sì strutturale, ma previamente illuminato da interpretazioni teleologiche delle singole disposizioni incriminatrici, ed infine attento ad evitare una duplicazione di valutazioni tipiche di profili del fatto concreto in cui si esprima una quota di offensività.
Vallini, Antonio
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/934975
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact