La semplificazione dell’altro. Il caso della Palestina