Quando odori e sapori, chiacchiere e ricette sono fonti per un’antropologia del cibo e della memoria