La signora scompare: l’astrazione della donna e la macchina cinema in “La signora di tutti” (M. Ophuls, 1934)