«Una lunga, invisibile gugliata». Antonia Pozzi e Marina Spada in "Poesia che mi guardi"