Il presente lavoro si propone di fornire un’analisi sulle potenzialità produttive dei boschi cedui di querce in alcune zone del territorio della Regione Toscana. Lo studio analizza le componenti economiche che hanno caratterizzato in passato l utilizzazioni dei cedui quercini, le contrattazioni commerciali tra proprietà ed impresa e le attuali caratteristiche del mercato della legna da ardere. Tra gli aspetti esaminati vi è anche la valutazione della potenzialità di convertire ad alto fusto quelle superfici di ceduo quercino meno frammentate e facenti parte del cosiddetto demanio pubblico. Un cenno particolare è poi dedicato al meccanismo delle aste pubbliche nel territorio della Comunità Montana delle Colline Metallifere.

Sostenibilità economica delle utilizzazioni dei boschi cedui di quercia nel territorio toscano

F.Riccioli
2006

Abstract

Il presente lavoro si propone di fornire un’analisi sulle potenzialità produttive dei boschi cedui di querce in alcune zone del territorio della Regione Toscana. Lo studio analizza le componenti economiche che hanno caratterizzato in passato l utilizzazioni dei cedui quercini, le contrattazioni commerciali tra proprietà ed impresa e le attuali caratteristiche del mercato della legna da ardere. Tra gli aspetti esaminati vi è anche la valutazione della potenzialità di convertire ad alto fusto quelle superfici di ceduo quercino meno frammentate e facenti parte del cosiddetto demanio pubblico. Un cenno particolare è poi dedicato al meccanismo delle aste pubbliche nel territorio della Comunità Montana delle Colline Metallifere.
Fagarazzi, C.; Fabbri, C.; Fratini, R.; Riccioli, F.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/936718
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact