L'intellettuale "an-archiste"