Nei primi anni del XIX secolo, all’interno dell’alveo del lago di Porta nella pianura apuo-versiliese, fu rinvenuto un “cippo” marmoreo iscritto, presto perduto e generalmente interpretato come cippo miliario. Malgrado le scarne notizie, il marmo ha continuato a esercitare un peso importante in tutta la letteratura archeologica che dall’Ottocento ai nostri giorni si è occupata di viabilità romana tirrenica; tuttavia, nell’impossibilità di effettuare un riscontro diretto, il documento è stato piegato alle più diverse letture. Il rinvenimento nell’Archivio di Stato di Firenze di un disegno che lo ritrae consente ora di riconoscere la vera natura del blocco di marmo e di ridefinirne il suo valore documentario.

“…qualche schiarimento da alcun pezzo antico che trovisi in avvenire…”. Il marmo di Porta: da cippo miliare a blocco di cava

Fabiani F.
2007

Abstract

Nei primi anni del XIX secolo, all’interno dell’alveo del lago di Porta nella pianura apuo-versiliese, fu rinvenuto un “cippo” marmoreo iscritto, presto perduto e generalmente interpretato come cippo miliario. Malgrado le scarne notizie, il marmo ha continuato a esercitare un peso importante in tutta la letteratura archeologica che dall’Ottocento ai nostri giorni si è occupata di viabilità romana tirrenica; tuttavia, nell’impossibilità di effettuare un riscontro diretto, il documento è stato piegato alle più diverse letture. Il rinvenimento nell’Archivio di Stato di Firenze di un disegno che lo ritrae consente ora di riconoscere la vera natura del blocco di marmo e di ridefinirne il suo valore documentario.
Fabiani, F.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/937919
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact