L'abbandono e la frequentazione tardo-antica: il caso della Linguella