La riforma della Costituzione proposta dal movimento 5 stelle e avallata dalla Lega appare ispirata da intenti lodevoli. Primo fra tutti, l'interpretazione della crisi dello Stato costituzionale come crisi della rappresentanza e non della funzione di governo. Tuttavia l'ipotesi di una forma di governo basata sul referendum e sui disegni di legge di iniziativa popolare in opposizione ai controprogetti di iniziativa parlamentare conduce a una concentrazione del potere nelle mani dei promotori di queste iniziative e questo non appare coerente con l'intento di rafforzare la rappresentanza politica.

Verso una democrazia a trazione diretta

Gian Luca Conti
2018

Abstract

La riforma della Costituzione proposta dal movimento 5 stelle e avallata dalla Lega appare ispirata da intenti lodevoli. Primo fra tutti, l'interpretazione della crisi dello Stato costituzionale come crisi della rappresentanza e non della funzione di governo. Tuttavia l'ipotesi di una forma di governo basata sul referendum e sui disegni di legge di iniziativa popolare in opposizione ai controprogetti di iniziativa parlamentare conduce a una concentrazione del potere nelle mani dei promotori di queste iniziative e questo non appare coerente con l'intento di rafforzare la rappresentanza politica.
Conti, GIAN LUCA
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/940712
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact