La «critica vivente di una società in movimento»: una lettura novecentesca del Capitale