Una della tematiche di maggior rilievo per gli operatori del comparto pubblico, trattate nel D.Lgs. n. 33/2013 (“Decreto Trasparenza”), è quella dell’accesso civico, che riguarda non solo la possibilità di - stricto sensu - accedere agli atti, ai documenti e alle informazioni che la Pubblica Amministrazione ha l’obbligo di pubblicare nella specifica sezione del sito istituzionale; ma, anche, il riconoscimento a chiunque del “diritto di accedere ai dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione …”. Una possibilità, questa, decisamente estesa sulla carta, ma che incontra, però, precisi limiti legislativi e interpretativi che complicano i processi istruttori, volti a valutare l’accoglimento o meno delle istanze di accesso provenienti da terzi, da parte del Responsabile della Trasparenza o del soggetto specificatamente individuato quale responsabile dell’accesso civico nelle PP.AA. e negli Organismi a partecipazione pubblica (che sottostanno alla normativa sulla trasparenza anche in forza di quanto stabilito dalla Delibera ANAC 8 novembre 2017, n. 1134 “Nuove linee guida per l’attuazione della normativa in materia di prevenzione della corruzione e trasparenza da parte delle società e degli enti di diritto privato controllati e partecipati dalle pubbliche amministrazioni e degli enti pubblici economici.”

Gli istituti dell’accesso ad atti e documenti delle PPAA e degli organismi a partecipazione pubblica

Iacopo Cavallini;Maria Orsetti
2019

Abstract

Una della tematiche di maggior rilievo per gli operatori del comparto pubblico, trattate nel D.Lgs. n. 33/2013 (“Decreto Trasparenza”), è quella dell’accesso civico, che riguarda non solo la possibilità di - stricto sensu - accedere agli atti, ai documenti e alle informazioni che la Pubblica Amministrazione ha l’obbligo di pubblicare nella specifica sezione del sito istituzionale; ma, anche, il riconoscimento a chiunque del “diritto di accedere ai dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione …”. Una possibilità, questa, decisamente estesa sulla carta, ma che incontra, però, precisi limiti legislativi e interpretativi che complicano i processi istruttori, volti a valutare l’accoglimento o meno delle istanze di accesso provenienti da terzi, da parte del Responsabile della Trasparenza o del soggetto specificatamente individuato quale responsabile dell’accesso civico nelle PP.AA. e negli Organismi a partecipazione pubblica (che sottostanno alla normativa sulla trasparenza anche in forza di quanto stabilito dalla Delibera ANAC 8 novembre 2017, n. 1134 “Nuove linee guida per l’attuazione della normativa in materia di prevenzione della corruzione e trasparenza da parte delle società e degli enti di diritto privato controllati e partecipati dalle pubbliche amministrazioni e degli enti pubblici economici.”
Cavallini, Iacopo; Orsetti, Maria
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/945191
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact