Cinque ragioni per non prolungare il sostegno vitale ad un paziente in stato vegetativo permanente