Il “framing” del movimento contro la globalizzazione neoliberista