Sull’acquiescenza tacita nel rito del lavoro