Adam Smith, la divisione del lavoro e la nascita del moderno