Dalla Space Syntax alla Ma.P.P.A.: un contributo per l'evoluzione dell'analisi configurazionale