Personaggi malati di tempo. Due esempi modernisti