Decrittare i segni. A proposito di "Paradiso" XVIII 70-117