G. di John Berger. Per la storicizzazione del personaggio neo-modernista