La scena del riconoscimento nell'Elettra di Euripide e la critica razionalistica alle Coefore