Anassimandro e la scrittura della ‘legge cosmica