"Converrebbe essere me laudatore di me medesimo" (Vita nova XXVIII 2)