Novità e tradizione in un testo teatrale di Italo Svevo