La virtù platonica come holon: dalle Leggi al Protagora