Rilettura delle "Note di storia della banca pisana nel Trecento": i banchieri