“Non alberga il dolor nel regno mio”: nostalgie estensi a Sassuolo