Giulietta, Falstaff e l’arbitrarietà del segno