La finzione di secondo grado a teatro: l'Otello