Sofocle, Seneca e la colpa di Edipo